Crea sito

SOCRATE

Socrate

Socrate non scrisse nulla, quello che sappiamo ci proviene da altre fonti soprattutto da Platone e da Senofonte i quali concordano su fatti fondamentali della sua vita e della sua morte, ma ci presentano di lui immagini molto diverse.

Socrate nacque intorno al 469 a.C. e visse settant’anni nei giorni in cui Atene era al massimo del suo fulgore, fino alla rovinosa sconfitta nella guerra con Sparta.
Ricoprì un incarico pubblico di poco conto e con molto coraggio combatté in fanteria, si sposò con Santippe, una donna che aveva fama di aver un pessimo carattere, oltre ad essere brutta, che gli diede un figlio.

Socrate, in parte, pose le fondamenta della moderna filosofia occidentale, morì per i suoi principi, accusato dai suoi concittadini di aver mancato di rispetto agli dei e di aver corrotto i giovani, incoraggiandoli a contestare le idee e le convinzioni tradizionali.
Posto dinnanzi alla scelta tra la morte e l’esilio, scelse la morte e fu costretto ad uccidersi bevendo della cicuta.
La sua memoria fu venerata da una moltitudine di discepoli di tutte le età e condizioni sociali.

Ma com’era Socrate?
Nei dialoghi di Platone, chiamati così perché Platone fa una vivida ricostruzione di un certo numero di consessi a base di domande e risposte, Socrate è descritto come una persona di alto intelletto, ricercatore della verità, pronto ad usare un tranquillo senso dell’umorismo, ma dal carattere fondamentalmente serio e piuttosto austero, con una certa inclinazione per l’omosessualità e un atteggiamento piuttosto freddo verso le donne.
Il Simposio di Senofonte, che potrebbe essere stato scritto per controbattere quello di Platone, ci descrive un Socrate gioviale che apprezza il vino e la compagnia delle fanciulle e che preferisce non discutere di argomenti seri prima della fine della festa.
Appare innegabilmente attratto dalle donne, come Senofonte, al contrario di Platone incline all’omosessualità, e insiste nell’affermare che esse non sono in alcun modo inferiori agli uomini, se non per quanto riguarda la forza fisica e che venga loro impartita sempre un’istruzione adeguata.
Secondo Senofonte questa è la ragione per cui sposò Santippe, se sarebbe riuscito ad insegnare a lei avrebbe potuto insegnare a chiunque

Sostieni Storia Antica e Moderna

Salvo preventiva autorizzazione scritta, è vietata la riproduzione, anche parziale e con qualsiasi mezzo, dei suddetti testi o materiale