Crea sito
Come l'India acquisì il sistema delle caste

Come l'India acquisì il sistema delle caste
Ufficialmente soppresso ma non per questo scomparso, il sistema della suddivisione in caste ereditarie fu introdotto dagli invasori Ariani.

"Sono così disprezzati che un Indù ritiene necessario fare il bagno se viene toccato da uno di loro. Non possono abbeverarsi alla fonte del villaggio, il barbiere non fa loro la barba, la lavandaia non lava i loro vestiti".
Questo marchio incancellabile è la tragica eredità lasciata ai Paria dagli Ariani, un popolo bellicoso che più di 3000 anni fa invase l'India da Nordovest.
Prima dell'invasione degli Ariani, l'India era culla di molte culture, tra cui la civiltà di Harappa, ma di questo gli Ariani ebbero ben poco rispetto; sebbene fossero analfabeti e inizialmente nomadi, si sentivano superiori per via della loro potenza militare.

La popolazione di Harappa non potè far fronte ai violenti invasori e così gli Ariani la ridussero in schiavitù. In questa India multirazziale lentamente si formò il complesso sistema delle caste, tuttora esistente.
Gli Ariani erano già suddivisi in tre caste: i Brahamani (sacerdoti e intellettuali), gli Kshatriya (re, guerrieri e nobili)e i Vaisya (mercanti e artigiani). Gli Indiani ridotti a una condizione semischiavitù e adibiti alle mansioni più umili, vennero a formare una quarta casta, quella dei Sudra. Quando il sistema delle caste si sviluppò, molti esseri umani si ritrovarono relegati nell'ultimo gradino della scala sociale: divennero gli Intoccabili.
All'inizio dell'era cristiana, i membri delle tre caste superiori non poterono più essere distinti solo in base al colore della pelle, incrociandosi con gli indigeni dalla carnagione più scura avevano confuso le caratteristiche somatiche. Nacquero così caste di razze miste e il sistema si basò quindi sempre più sulle processioni, coloro che svolgevano i lavori più umili vennero a far parte degli Intoccabili.
Si sviluppò una vasta rete di sotto-caste (jati) basate sui mestieri e questo divenne indicativo ai fini dell'identificazione del rango sociale, della casta principale (varna) a cui apparteneva. Quando l'industrializzazione creò nuovi impieghi e nuovi ruoli sociali e politici, il sistema ancora una volta si modificò per accoglierli in se sotto forma di caste.
Persino la democrazia parlamentare indiana ha finito con rafforzare l'antico sistema, perchè sono nate nuove organizzazioni di tipo castale miranti a influenzare la politica per favorire gli interessi dei loro membri. Il sistema delle caste, dunque, non è mai stato debellato, al contrario, i Brahamani si sono mantenuti al vertice della piramide e gli Intoccabili ne sono rimasti alla base.

Sabry aka Iside
Salvo preventiva autorizzazione scritta, è vietata la riproduzione, anche parziale e con qualsiasi mezzo, dei suddetti testi o materiale